Pendolarismo

Risolto il problema della connessione a Internet, rimane la faccenda del pendolarismo.
A Torino ho ancora un sacco di connessioni che non si possono troncare.
Ad esempio, nella settimana entrante…
martedì – incontro di lavoro con alcuni altri mercenari, attorno alle 20, durata non prevedibile.
giovedì – partita a Trinity (irrinunciabile), dalle 21.15 all’una
sabato – conferenza presso la biblioteca Sherazade, dalle dieci alle dodici

Balza immediatamente all’occhio come i tre impegni siano distribuiti nella maniera peggiore possibile.
Per il futuro, sarà bene mettere le mani su un planner molto dettagliato, e organizzare le cose in modo che col minimo numero di viaggi andata-ritorno Castelnuovo Belbo-Torino si riesca a fare tutto.

Ma, detto ciò – come ci arrivo a Torino?

Ipotesi uno – in automobile.
Vantaggi – elevata mobilità ed indipendenza, tempi di percorrenza rapidi.
Svantaggi – circa 25 euro tra autostrada e carburante ad ogni viaggio, il rischio di restare bloccati per ore all’ingresso in città; nel periodo invernale, nebbie e maltempo costituiscono un fattore di rischio.

Ipotesi 2 – in treno, da Nizza Monferrato o da Alessandria.https://i0.wp.com/images.absoluteanime.com/captain_harlock/index-ge999-2.jpg
Vantaggi – nessun problema col maltempo, costi contenuti (tra i dieci e i venti euro per andata e ritorno), il tempo passato in treno si può impiegare a far altro.
Svantaggi – mobilità limitata (si scende a Porta Nuova o al Lingotto), tempi di percorrenza lunghi (minimo  un’ora e dieci, ma più normalmente due ore e venti), rischio ritardi; e comunque a Nizza o ad Alessandria mi tocca arrivarci in automobile.

Ipotesi 3 – in autobus da Nizza Monferrato.
Vantaggi e svantaggi sono gli stessi del treno, ed una più rapida percorrenza è controbilanciata dal fatto che esistano solo due corse nell’arco della giornata.

Nonostante tutto, il treno pare comunque la scelta economicamente più accettabile.
Basta trovare qualcuno a cui scroccare un passaggio a Nizza.
La settimana disorganizzata in arrivo sarà una buona occasione per collaudare i trasporti pubblici.

Powered by ScribeFire.

2 pensieri su “Pendolarismo

  1. Ti auguro buona fortuna, io è l’ottavo mese che faccio il pendolare da Vicenza alla riviera del Brenta per una borsa di studio in ricerca e ho altri due mesi davanti a me.

    Generalmente la praticità del poter fare altro in treno è annullata dal sottodimesionamento delle carrozze rispetto ai passeggeri nella tratta Vicenza Padova.

    Inoltre non sottovalutare i ritardi, almeno uno alla settimana è una delle poche certezze della mia vita.

  2. Confermo.
    Carrozze stracolme e treni in ritardo – il che è malissimo se si deve acchiappare al volo una coincidenza.
    Di positivo c’è solo il fatto che, per i miei impegni, posso evitare le ore di punta e viaggiare su treni semideserti mentre il resto del mondo lavora o pranza…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...