Stufato di Cinghiale alla Provenzale

[Recupero questa ricetta dal mio blog generalista, sul quale la pubblicai in occasione del Natale 2008]

Nota Dotta
Sarebbe più corretto chiamarlo Cinghiale alla maniera della Provenza, visto che “alla Provenzale” dovrebbe voler dire con pomodoro e olive.

Ingredienti…
Cosciotto di cinghiale (2-3 kg per 6 persone)
Per la marinatura:
Mezzo litro di vino bianco secco
1 bicchiere d’acqua
4 spicchi d’aglio
3 scalogni tritati
chiodi di garofano
alloro
sale
pepe in grani
bacche di ginepro schiacciate (una decina)

Nota dotta 2
La ricetta si differenzia dagli stufati di cinghiale nostrani per l’uso del bianco secco al posto del rosso corposo di solito utilizzato in Italia per la marinatura, e per un uso più moderato di spezie e sapori (si noti l’assenza di timo e prezzemolo).

Procedura operativa:
Preparare a freddo la marinatura.
Tagliare il cinghiale a tocchetti e immergerlo nella marinatura, dove dovrà riposare per una giornata.
Col nuovo giorno, versare il tutto in pentola e cuocere a fuoco lento per 5 ore (si può barare e usare la pentola a pressione, ma viste le quantità…)
A cinque minuti da fine cottura, aggiungere 6 chicchi di ginepro schiacciati.

Servire ben caldo con patate lesse o al forno.

Nota Dotta 3

Esiste anche un Cinghiale Stufato alla maniera dell’Alta Provenza, che fa uso di vino rosso, è più speziato, e richiede una marinatura di cinque giorni.

Powered by ScribeFire.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...